© Silvia Piredda 2018

Depressione - Terapia farmacologica


Antidepressivi

Il tipo di antidepressivi più tollerato è quello degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), che aumentano la serotonina, una sostanza chimica del cervello che permette la comunicazione dei neuroni e controlla l'umore, il sonno e il livello di controllo e ansia.
Quali sono gli SSRI?

Gli SSRI sono citalopram, escitalopram, fluoxetina, fluvoxamina, paroxetina, sertralina.

Cosa deve sapere chi prende un SSRI?

L'effetto collaterale più comune degli SSRI che dipende in genere dalla dose, è l'inibizione sessuale, come diminuzione del desiderio o difficoltà a raggiungere l'orgasmo.

L'aumento di peso è un altro effetto collaterale comune della maggior parte degli SSRI, riguarda 1 paziente su 3 e dipende dal fatto che questi farmaci aumentano il desiderio di mangiare pane, pasta, dolci. Questo effetto collaterale può essere evitato modificando la dieta all'inizio della terapia e facendo attività fisica, che è molto efficace contro la depressione.

Un altro effetto collaterale comune degli SSRI è il mal di testa.

Alcuni effetti collaterali degli SSRI, a differenza dei precedenti, sono presenti solo all'inizio della terapia e poi tendono a passare. Si tratta di nausea, vomito, mancanza di appetito, diarrea.

E' buona regola evitare di interrompere bruscamente la terapia o ridurre la dose drasticamente perchè, nella maggior parte dei casi, possono presentarsi sintomi da sospensione, cioè ansia, capogiri, stordimento, formicolio, mal di testa, sudorazione, nausea, vomito, mal di stomaco, difficoltà a dormire.

Gli SSRI aumentano l'effetto sedativo dell'alcol e possono interagire con altri farmaci come ansiolitici, litio, farmaci per l'epilessia e per la pressione alta.

Un altro tipo di antidepressivi efficace è quello degli inibitori della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (SNRI) che aumentano sia la serotonina sia la noradrenalina, sostanze chimiche del cervello che regolano l'umore, il sonno, l'attenzione, la voglia di fare.

Quali sono gli SNRI?

Gli SNRI sono venlafaxina e duloxetina.

Cosa deve sapere chi prende un SNRI?

Gli effetti collaterali degli SNRI comprendono, in genere all'inizio della terapia, nausea, bocca secca, mancanza di appetito, stitichezza, difficoltà a dormire, sonnolenza, difficoltà a raggiungere l'orgasmo, tremore, pressione alta, mal di testa.

Altri antidepressivi efficaci sono gli antidepressivi triciclici , che controllano non solo la serotonina ma anche la noradrenalina, sostanze chimiche del cervello che regolano l'attenzione, la fame, il sonno.

Quali sono gli antidepressivi triciclici?

Gli antidepressivi triciclici sono amitriptilina, clomipramina, desipramina, imipramina, nortriptilina.

Cosa deve sapere chi prende gli antidepressivi triciclici?

Gli antidepressivi triciclici sono farmaci efficaci ma hanno molti effetti collaterali, come stanchezza o debolezza, capogiri, stordimento, nausea, bocca secca, stitichezza, appannamento della vista, sudorazione, mal di testa, aumento dell'appetito e del peso, che di solito diminuiscono quando ci si abitua al farmaco.

Gli antidepressivi triciclici aumentano l'effetto sedativo dell'alcol, possono provocare problemi del ritmo del cuore e possono interagire con i farmaci usati per le allergie, l'epilessia, la pressione alta.

Nelle forme di depressione gravi e resistenti alle altre terapie si usano farmaci chiamati inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) che aumentano la serotonina, la dopamina e la noradrenalina, sostanze chimiche del cervello che regolano l'umore, l'attenzione, la voglia di fare, l'ansia, il sonno.
Quali sono gli IMAO?

Esistono due tipi di IMAO, che hanno una durata diversa e quindi effetti collaterali diversi.

In Italia è disponibile solo un IMAO ''a lunga durata'' la tranilcipromina, che è associata ad un altro farmaco.

Cosa deve sapere chi prende un IMAO?

Gli IMAO, per quanto molto efficaci, non sono prescritti comunemente perchè hanno effetti potenzialmente pericolosi quando sono associati ad alcuni cibi, come formaggi stagionati, carne secca, aringhe affumicate, prodotti a base di lievito, birra chiara, vino, ed alcuni farmaci come altri antidepressivi, antistaminici, farmaci per la malattia di Parkinson, farmaci da banco per la tosse e il raffreddore.

Gli effetti dell'associazione di un farmaco IMAO con uno dei cibi o dei farmaci citati comprendono pressione alta e mal di testa pulsante improvvisi.

Chi prende un IMAO deve evitare tutti i farmaci citati per due settimane dopo la fine della terapia.

Gli effetti collaterali degli IMAO comprendono stordimento, bocca secca, stitichezza, arrossamento della pelle.

Esistono diversi altri farmaci antidepressivi (come reboxetina, bupropione, mirtazapina, trazodone) alcuni dei quali rappresentano un'evoluzione di quelli descritti prima e agiscono in modo simile, cioè aumentando diverse sostanze chimiche già citate (dopamina, serotonina, noradrenalina principalmente) che controllano la voglia di fare, l'energia, l'attenzione, la fame, il sonno.

Ansiolitici

Alcuni ansiolitici, come il lorazepam, sono particolarmente indicati nelle crisi psicotiche, altri come il diazepam, il delorazepam, il ketazolam sono abbinati agli antipsicotici nella terapia di mantenimento, soprattutto nei momenti di stress. Gli effetti collaterali sono sonnolenza, disturbi dell'equilibrio e della memoria.