© Silvia Piredda 2018

OSSESSIONI E COMPULSIONI: DEVO CONTROLLARE OGNI COSA...


Il Disturbo Ossessivo Compulsivo è un disturbo d'ansia poco frequente ma grave. Chi soffre di questo disturbo ha pensieri e/o comportamenti ripetitivi che non può controllare e che hanno il nome di ossessioni e compulsioni.

Le ossessioni sono pensieri, immagini, impulsi che non possono essere controllati con la volontà. Esempi di ossessioni sono la paura dello sporco e dei germi, la paura di avere pensieri o impulsi violenti e aggressivi e il dubbio di poterli mettere in pratica, soprattutto contro i propri cari, pensieri osceni incontrollati legati alla religione o al sesso con il dubbio di poterli mettere in pratica, la preoccupazione incontrollabile per l'ordine e la simmetria o per la sicurezza, l'incapacità di disfarsi di oggetti inutili o rovinati che vengono accumulati.

Le ossessioni sono automatiche, incontrollabili e causano una forte tensione.

Le compulsioni sono pensieri o azioni fatti con l'intenzione di ridurre la tensione causata dalle ossessioni. Esempi di compulsioni sono lavarsi e pulire continuamente, controllare ripetutamente di aver o di non aver fatto qualcosa, riordinare secondo un criterio preciso, toccare più volte alcuni oggetti, indossare solo alcuni colori, o avere rituali mentali come ripetere alcune parole o frasi secondo schemi particolari, contare, pregare nel tentativo di evitare un pericolo, come la dannazione della propria anima o una calamità o un incidente ad altre persone, soprattutto persone care.

Le compulsioni sono incontrollabili e ogni tentativo di resistere fa aumentare l'ansia e l'impulso di metterle in pratica.

Una persona con Disturbo Ossessivo-Compulsivo può avere uno o più di questi sintomi e non può ignorare i suoi sintomi, pur riconoscendo che sono eccessivi o irrazionali.

Una persona con questo disturbo può anche avere una vita apparentemente normale nonostante la sua profonda sofferenza, perchè nasconde agli altri il suo problema, riconoscendo che i suoi pensieri sono eccessivi o irrazionali e provando una forte vergogna per l'incapacità di controllarli.

In assenza di una terapia adeguata, i sintomi diventano più forti e frequenti ad ogni tentativo di ignorarli e possono influenzare negativamente molti aspetti della vita.
Chi colpisce?

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo colpisce 1-2 persone su 100 nel corso della vita e può colpire bambini, adolescenti e adulti. Almeno la metà degli adulti che chiedono aiuto per questo disturbo hanno manifestato i primi sintomi da bambini e non hanno mai ricevuto un trattamento adeguato.

Molti bambini e adolescenti possono avere talvolta comportamenti ossessivi come sistemare giocattoli e libri in un modo particolare o dare la buona notte un certo numero di volte e a tutti capita di avere il dubbio di non aver chiuso la porta e di controllare più volte ma si parla di Disturbo Ossessivo-Compulsivo solo quando i pensieri e i comportamenti descritti causano forte disagio e preoccupazione, richiedono molto tempo nell'arco della giornata (oltre un'ora) o interferiscono negativamente con la vita di tutti i giorni.

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo tende a colpire più membri della stessa famiglia, spesso quando sono presenti movimenti involontari bizzarri (tic) e ciò ha portato a considerare le ossessioni come tic del pensiero.